Dachau

E' il primo campo di concentramento nazista, aperto il 22 marzo del 1933, a nemmeno 2 mesi dalla nomina di Hitler a cancelliere.

Servì da modello per tutti gli altri.

Secondo le stime ufficiali vi transitarono 200.000 persone, 41.500 vi morirono, uccise dalla folle crudeltà nazista.

Molti meno rispetto ai milioni di Auschwitz, ma Dachau era appunto un modello, un luogo di lucida follia, come tutto l'operato nazista: folle e crudele ma lucido, organizzato, efficiente.

Ingresso del campo di concentramento di Dachau

Visitando luoghi dove molte vite sono state vissute e, come in questo caso, molte persone sono morte, non posso evitare di immedesimarmi, consapevole dell'impossibilità, della distanza, è semplicemente un tentativo di avvicinarsi a qualche frammento di comprensione.

Non dell'insieme, della macropolitica mondiale dell'epoca né della micropolitca del luogo come insieme organico, quello che mi coinvolge nel profondo è tentare di immaginare ciò che hanno visto le persone che hanno vissuto quei luoghi e quelle circostanze e da lì provare a speculare sui loro pensieri, sul loro essere.

 

Ovunque nel mondo ho sempre incontrato persone con cui i punti di vicinanza, di comunanza, sono più forti delle distanze, culturali, geografiche, etniche.

Siamo genitori, siamo figli, siamo sposi, siamo amanti, proviamo amore, rabbia, frustrazione, speranza, desiderio, dolore.

Credo che di questo resti traccia, in qualche modo.

Credo sia per questo che, dopo pochi minuti dentro quell'enorme museo della follia e del dolore ho cambiato idea.

 

Non era una visita professionale, né per ricerca personale, non ero lì per fotografare ma sapevo che avrei fotografato, ovviamente. Per me, per autodifesa, per sublimare in qualche modo l'impatto emotivo.

Avevo programmato di fotografare in bianco e nero, perché è un modello comunicativo che conosco, con il quale mi trovo a mio agio, non distrae, è essenziale, appare come la scelta più logica, in quanto all'epoca dei fatti le pellicole a colori non erano diffuse, anzi nel 1933 ancora non esistevano (la prima Kodachrome arriverà nel 1935), ed infatti la nostra iconografia di quel periodo è in bianco e nero.

L'edificio all'ingrasso del campo di concentramento di Dachau

 Poi, come dicevo, ho rapidamente cambiato idea.

Le costruzioni centrali del campo di concentramento di Dachau

E' stato per il cielo.

Ho capito che gli occhi delle persone che hanno vissuto lì non lo vedevano in bianco e nero ma a colori.

Così come l'erba, gli alberi, i mattoni.

Come ogni scelta comunicativa, il bianco e nero implica anche aspetti non sempre utili, ad esempio l'assenza dei colori può edulcorare la realtà. Inoltre, nella iconologia comune (distorta) è di per sé portatore di un qualche valore "artistico".

 

Non c'è nulla di artistico, a Dachau. Nulla.

La bellezza della natura rende l'orrore ancora più opprimente.

L'efficenza formale  delle costruzioni genera una distorta percezione di normalità.

Particolare dell'edificio amministrativo del campo di concentramento di Dachau
Il piazzale centrale del campo di concentramento di Dachau e la ricostruzione delle baracche dei prigionieri
Il memoriale del Comitato Internazionale di Dachau
La torretta posta alla sommità dell'edificio di ingresso al campo di Dachau

Abbiamo trascorso diverse ore all'interno del perimetro del campo, era una giornata nuvolosa, a tratti cadeva una pioggerella leggera.

La luce è cambiata diverse volte, velocemente.

La stessa luce che devono aver visto i prigionieri, lo stesso verde, lo stesso cielo.

I resti delle fondamenta delle baracche del campo di Dachau
Fondamenta della baracca 1 del campo di Dachau
Ricostruzione di una baracca dei prigionieri di Dachau
Ricostruzione dei bagni per i prigionieri del campo di Dachau

Veduta del boschetto dietro ai forni crematori di Dachau
Scorcio dell'edificio dei forni crematori di Dachau

Edificio che ospita i forni crematori di Dachau con la ciminiera
La sala della svestizione attigua alla camera a gas di Dachau
LA camera a gas del campo di concentramento di Dachau
I nuovi forni crematori del campo di Dachau
I vecchi forni crematori di Dachau
Vista posteriore della ciminiera dei forni crematori di Dachau

Conosciamo tutti l'orrore della follia nazista, ma abbiamo davvero coscienza dell'enormità di quella follia?

Riusciamo davvero a capire i dati ed i numeri?

Questa è la mappa delle strutture di detenzione, lavoro, uccisione, e pare non sia nemmeno completa, perché alcune informazioni sono andate perdute.

Ogni quadratino, ogni triangolo, rappresenta un luogo dove persone sono state torturate, umiliate ed uccise.

Mappa dell'organizzazione dei campi di concentramento nazisti

Dimenticare è pericoloso, è stupido ed in qualche modo ci renderebbe complici.

Stele dedicato ai morti ebrei nel giardino acanto ai forni crematori di Dachau
Memoriale ebraico nell'ex campo di concentramento di Dachau

Scrivi commento

Commenti: 0

Contattaci:

Seguici:

Scrivici:

fotografo matrimonio torino contatti

 

 

    info

italy destination wedding photographer

 

 

    marco

Fotografo matrimonio Torino

#fotografomatrimoniotorino #destinationweddinginitaly #wedding #fotografomatrimonioinpiemonte #fotodimatrimoniotorino #fotografomatrimoniorivoli 

Note legali:

1) Copyright: tutte le immagini, le opere fotografiche ed i testi presenti su questo sito, salvo diversa indicazione, sono di proprietà di Marco Roatta e sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore italiane e/o straniere . La copia non autorizzata, digitale e non, in particolare a fini commerciali, senza preventiva ed esplicita autorizzazione, è vietata e sarà perseguita secondo le leggi vigenti ivi comprese eventuali richieste di risarcimento danni e/o procedimenti penali.

2) Soggetti rappresentati: tutti i soggetti non noti ritratti nelle foto esposte in questo sito hanno autorizzato la divulgazione a fini dimostrativi all'atto della stipula del contratto. 

Ciò non di meno, nel caso qualche soggetto non noto preferisse che le immagini che lo ritraggono vengano rimosse, sarà sufficiente farne richiesta scrivendo una mail a: info@marcoroatta.com

provvederemo alla rimozione nel più breve tempo possibile.

©Marco Roatta 2015| 10098 Rivoli | Torino | Italy

P. Iva 11374710017

fotografo professionista torino

 

Il rispetto del codice etico di Tau Visual

nei confronti del Cliente e dei colleghi

è parte integrante

della nostra professionalità quotidiana.

Professionista assoFotografi Professionisti TAU Visual

 

 

Debora Pozzuolo è socia AFIP