Foto belle o foto buone?

Non è un sofisma, è una differenza reale e di grande importanza.
Certo talvolta le due cose coincido, altre volte non coincidono affatto.

Nella mia esperienza è abbastanza frequente che le buone foto siano anche belle, accade certamente anche il contrario ma è un po' meno frequente. Forse perché negli ultimi anni fare belle foto è diventato più facile, mentre per quelle buone la difficoltà è rimasta molto alta.


Mi piacerebbe essere il primo ad occuparsi dell'argomento, ma non è così, ovviamente.
Il maestro Ugo Mulas ne parlava già negli anni '60:

"Non credo nelle belle fotografie. Di belle fotografie se ne fanno tante, ma sono completamente inutili. Non bisogna dire che sono belle, ma che sono buone. Belle sono le fotografie esteticamente perfette, ben composte, che però non dicono niente. Una buona fotografia racconta e dice delle cose, comunica qualcosa. Anche la bella fotografia comunica, ma comunica cose inutili." Ugo Mulas

Come ci ricorda anche il maestro Gianni Berengo Gardin in una splendida videointervista su RAI News
Questo tanto per sottolineare che l'argomento non è di secondaria i portanza, anzi direi che è basilare.

Nel mio percorso sono arrivato alla personale conclusione che la differenza principale tra una foto buona ed una solamente bella stia nel fatto che la seconda è il fine, quella buona è un mezzo.
Content is king, anche in questo caso.
Se non c'è un messaggio dentro, dietro, sotto, da qualche parte, allora non è una buona foto!

In altre parole per capirlo di solito basta porre una domanda al fotografo (o a se stessi, se si è il fotografo): "perché hai scattato questa foto?" Se la risposta è del tipo: "Perché è bella! E con la post è diventata WOW!" potete avere la ragionevole certezza che non si tratti di una buona foto.

Perché una buona foto è sempre il prodotto di una necessità comunicativa: un esercizio estetico e/o tecnico fine a se stesso NON è una necessità comunicativa.


Tanto per entrare nella pratica, le foto che si sono salvate e ci sono pervenute del D-Day di Capa  non sono certo belle, ma sono buone, molto, molto, molto buone!

The Americans di Robert Frank è un capolavoro, tutte quelle foto sono buone, decisamente buone, ma in linea di massima, tecnicamente, non si può certo dire che siano perfette, anzi.

Per venire a tempi più recenti mi viene in mente Emi Anrakuji http://miyakoyoshinaga.com/artists/Emi_Anrakuji/artwork

Il suo lavoro è decisamente lontano da qualsiasi effetto wow, lontano da tutte le regole formali, lontano dalla ricerca estetica. E' un lavoro profondo, uno scavo senza indulgenza, un racconto toccante e coinvolgente, un'ossessione ragionata, ogni foto è un passo nell'intimo dell'altro e del sé riflesso. Sono foto incredibilmente buone.

Per converso da un po' di tempo si vedono foto ad esempio di paesaggio o di macrofotografia che sono tecnicamente perfette, tonnellate di magistrale post-produzione, straripanti di effetto WOW, il più delle volte non si può certamente negarne la assoluta qualità tecnica ed estetica, ma è altrettanto innegabile che non potrebbero essere più lontane dall'essere buone.


Quindi una bella foto di paesaggio non può essere buona? Certo che sì! Basti pensare ad Adams, tanto per citare uno a caso.

Ma deve essere parte di un progetto, avere qualcosa da dire.

E' buona se dietro c'è un ragionamento che vada oltre al semplice "mi piaceva".

In caso contrario o è un mero esercizio tecnico o è una casualità.
Ed a ben riflette, lo stesso principio vale per qualsiasi altra specialità fotografica.

 

In sintesi la stessa conclusioneè sempre la stessa: è quel che c'è nella scatola cranica di chi usa lo strumento a fare la differenza.

Scrivi commento

Commenti: 0

Contattaci:

Seguici:

Scrivici:

fotografo matrimonio torino contatti

 

 

    info

italy destination wedding photographer

 

 

    marco

Fotografo matrimonio Torino

#fotografomatrimoniotorino #destinationweddinginitaly #wedding #fotografomatrimonioinpiemonte #fotodimatrimoniotorino #fotografomatrimoniorivoli 

Note legali:

1) Copyright: tutte le immagini, le opere fotografiche ed i testi presenti su questo sito, salvo diversa indicazione, sono di proprietà di Marco Roatta e sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore italiane e/o straniere . La copia non autorizzata, digitale e non, in particolare a fini commerciali, senza preventiva ed esplicita autorizzazione, è vietata e sarà perseguita secondo le leggi vigenti ivi comprese eventuali richieste di risarcimento danni e/o procedimenti penali.

2) Soggetti rappresentati: tutti i soggetti non noti ritratti nelle foto esposte in questo sito hanno autorizzato la divulgazione a fini dimostrativi all'atto della stipula del contratto. 

Ciò non di meno, nel caso qualche soggetto non noto preferisse che le immagini che lo ritraggono vengano rimosse, sarà sufficiente farne richiesta scrivendo una mail a: info@marcoroatta.com

provvederemo alla rimozione nel più breve tempo possibile.

©Marco Roatta 2015| 10098 Rivoli | Torino | Italy

P. Iva 11374710017

fotografo professionista torino

 

Il rispetto del codice etico di Tau Visual

nei confronti del Cliente e dei colleghi

è parte integrante

della nostra professionalità quotidiana.

Professionista assoFotografi Professionisti TAU Visual

 

 

Debora Pozzuolo è socia AFIP